GAZEBO_3     (2014)

 

Articolo di Tomas Tomasoni Lino : ___ Gruppo Artistico "Grumello Arte"

"Grumello Arte" è un'associazione, costituita da un Gruppo di appassionati di Arte, che ha l'ambito obiettivo di promuovere Arte, attraverso:

-la progettazione e l'attuazione di eventi e mostre di artisti locali e di altri la cui fama è  a livello nazionale;

-la Valorizzazione del lavoro degli artisti del gruppo, attraverso esposizioni collettive, ma anche individuali, delle opere realizzate dai soci di Grumello Arte;

-la realizzazione di corsi di storia dell'arte, con percorsi consolidatisi nei cinque anni di attività, nei quali si è riscontrato sempre molto interesse;

-l'organizzazione di visite a mostre e musei, spesso in relazione agli argomenti affrontati nel corso di storia dell'arte;

-interventi nel territorio, che hanno visto protagonisti, in modo particolare, i ragazzi dela scuola primaria, con l'intento di favorire un primo approccioal patrimonio artistico del territorio.

Grumello Arte opera grazie alla disponibilità dei soci, che s'impegnano anche con un tesseramento sociale, alla collaborazione con la Fondazione Credito Bergamasco, al sostegno e  al contributo dell'assessorato alla cultura di Grumello del Monte, della Pro-loco e di sponsors privati.

Negli ultimi quattro anni, ai nostri eventi hanno preso parte più di  seimila persone, risultato gratificante, per quello che  era considerato, inizialmente, uno sparuto numero di artisti di provincia.

"Gazebo", giunto alla sua 3^  edizione, costituisce l'oramai tradizionale mostra collettiva sociale. L'obiettivo è quello di stimolare i soci a presentare opere nuove, favorendo un continuo sviluppo e un percorso, che divengono spesso un processo di maturazione degli Artisti partecipanti.

"Gazebo_3" è costituita da una sezione "intramoenia", con l'esposizione di opere inedite di alcuni degli artisti dell'Associazione, nella sede di Grumello Arte, che si trova nella Sala Polifunzionale in via Castello, 24 e  di una sezione "extramoenia", la quale è la naturale e quasi "obbligata" prosecuzione della prima; il lavoro dell'artista "esce dalle mura" della sede del gruppo per "ivadere" la quotidianità della Comunità grumellese.

Le opere, esposte in alcuni negozi e luoghi d'incontro nel cuore del paese, intendono suscitare riflessioni ed emozioni sull'Essere, sull'Esistere e sulla Realtà.

L'assoluta libertà da vincoli di tecniche e tematiche trova nell'etimologia della parola Gazebo un punto di vista scevro da pregiudizi, in cui riescono a coesistere i diversi lavori.

Gazebo s. ingl. formazione scherzosa da to Gaze=Guardare+ la desinenza dei futuri latini -ebo (ad es. videbo=vedrò...).

Grumello Arte, invitando l'intera comunità a questi eventi dalla forte valenza educativa e sociale, coglie l'occasione per ringraziare i Suoi sostenitori e collaboratori, che permettono al gruppo di offrire al territorio l'opportunità di avvicinarsi e addentrarsi nel linguaggio dell'Arte e ricorda a tutti coloro che amano l'Arte, che è sempre possibile entrare a far parte del gruppo, per arricchirlo con la propria sensibilità e passione per la Bellezza. 

 

Testo Critico di Sara Zugni : ___GAZEBO_3

"L'arte oltrepassa i limiti nei quali il tempo vorrebbe comprimerla, e indica il contenuto del futuro" ---Vasilij Kandinskij.

Contaminazione, dialogo senza contorni definiti o definitivi: questo è lo spazio in cui personalità poetiche e linguaggi creativi si confrontano. E' il luogo in cui godere di prospettive differenti e seguire direzioni diverse.

"Gazebo" secondo une delle sue tante definizioni, sarebbe il luogo ove fermarsi e osservare un panorama. Ma può anche designare uno spazio in cui interno ed esterno comunicano in un costante rapporto di compenetrazione e fusione.

Tali definizioni alimentano una profonda riflessione sul nome dato alla mostra. Nessun vero filo conduttore, quindi, se non quello di restituire una visione caleidoscopica di sensibilità poetiche e manifestazioni dello spirito, tra consonanze  e dissonanze.

Lo spazio pullula di stimoli: affiorano le memorie personali, esplodono desideri e pulsioni, prendono forma intuizioni e progetti della coscienza.

Ogni artista definisce la propria autonomia attraverso l'alfabeto espressivo che lo cntraddistingue. Come vasi comunicanti, però  la sensibilità dell'uno si riversa nell'altro, in un continuo gioco di relazioni sempre nuove. E' l'incontro di poesia e sentimento, razionalità e coscienza, abilità tecnica ed emergenza espressiva.

Dalla coesistenza di personalità così distanti -anche anni luce- si scatenano reazioni a catena in grado di espandere la consapevolezza dell'osservatore verso nuovi significati e inedite connessioni.

Linguaggi creativi e frammenti di singoli percorsi che travalicano i confini di una definizione univoca, raggiungendo risultati significativi e trovando la forma adatta a ciò che non può essere scritto o raccontato in altro modo.

L'illusione di complementarietà può allora suggerire all'osservatore una verità più profonda: che in arte, forse, nulla sia mai definitivo e fine a se stesso.

  

Due pagine del catalogo.