20/6/2002

Qui...

GAMEC - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI BERGAMO, BERGAMO

 

Il Direttore della Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea Giacinto Di Pietrantonio ti invita a partecipare al libero Forum permanente organizzato per il 21 e il 22 giugno 2002 in occasione della manifestazione 'La Notte dei Musei'. Qui... insieme faremo due giorni di incontri, dibattiti, proiezioni, performance, concerti, libere discussioni... in cui avrai l'opportunita' di essere insieme comparsa e protagonista.

 

COMUNICATO STAMPA

GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA di BERGAMO

QUI...
Hai qualcosa da dire sull'arte, la società , la filosofia e quant'altro?
Hai qualcosa da mostrare agli altri?
Hai un punto di vista da discutere insieme?
Hai qualcosa da leggere o recitare davanti a un pubblico?
Hai voglia di vivere il museo come un luogo di incontro e di comunicazione?

Allora, troviamoci QUI... a Bergamo dove Il Direttore della Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea Giacinto Di Pietrantonio ti invita a partecipare al libero Forum permanente che stiamo organizzando per il 21 e il 22 giugno 2002 in occasione della manifestazione "La Notte dei Musei" durante la quale inaugureremo anche un'intervento pubblico di Mario Airò in Piazza Vecchia dal titolo "La visione di Philip", ispirato ad una visione avuta dallo scrittore americano Philip Dick e protagonista/autrice dei suoi ultimi tre libri.

QUI... insieme faremo due giorni di incontri, dibattiti, proiezioni, performance, concerti, libere discussioni... in cui avrai l'opportunità  di essere insieme comparsa e protagonista.

Sei un'artista, un critico, un curatore, un musicista, un performer, uno scrittore, un'attore, un poeta, un architetto, un filosofo, un designer, un semplice spettatore o un curioso che ha voglia di trovarsi al centro di un meeting a 360° sulla società  e la creatività  che ci circondano?

Allora vieni QUI... a Bergamo il 21 e 22 giugno.
Per poter meglio organizzare QUI... l'evento, per far sì che QUI... ti possa sentire a tuo agio e poter mettere QUI... a disposizione ciò di cui hai bisogno scrivici all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e raccontaci il tuo progetto, la tua idea di comunicazione, intervento e relazione entro e non oltre il 12 giugno 2002.

QUI... per i più timidi sarà  allestita una sala con diverse postazioni in cui vari curatori si alterneranno nel visionare il lavoro di artisti

QUI... e sin da ora ti chiediamo una piccola forma di collaborazione: sentiti libero di forwardare questo messaggio a chiunque tu pensi possa essere interessato a prendere parte a quest'evento, sia in qualità  di attore sia di spettatore.

Sin da ora ti informiamo su alcune modalità  di intervento perché tutti possano QUI... avere la possibilità  di trovare un proprio spazio:

- QUI... i video (o porzioni di essi) non devono superare la durata massima di 5 minuti
- QUI... se vuoi mostrare diapositive sul tuo lavoro o sul lavoro di altri, il loro numero non dovrà  essere superiore a 5
- QUI... gli interventi di discussione non dovranno superare la durata dei 15 minuti

- QUI... Orari e appuntamenti:
Venerdì 21 giugno dalle ore 11 alle 21
Sabato 22 giugno dalle ore 11 alle ore 24
A partire dalle ore 24 di sabato performance musicali di DJ e VJ

GALLERIA D'ARTE MODERNA e CONTEMPORANEA di BERGAMO
Via S. Tomaso 53, 24121 Bergamo tel. +39 035 399528, fax +39 035 236962

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

    

Le 9 opere della serie Evanescenze ed Annientamenti 

 

Castelli Calepio, 20.06.2002 DISCORSO C/O GAMeC DEL 21.06.02

GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI BERGAMO

Gentile pubblico, ho accettato l’invito della Galleria, che ringrazio, insieme a Bruna Roccasalva, a partecipare al Forum “QUI…” , per mostrare alcune diapositive delle mie opere chiamate “EVANESCENZE ED ANNIENTAMENTI” .

Mi presento; mi chiamo Imerio Rovelli, sono uno scultore di Castelli Calepio ed utilizzo per le mie opere materiali diversi: dalla creta, alla pietra, dal marmo al bronzo, al gesso, al cartone, e così via. Anche i generi che realizzo sono molto diversi tra loro, e pure le tecniche. Ho partecipato a diverse mostre, esposizioni, manifestazioni, concorsi, ecc. Ora presento la mia serie di teste denominata: “EVANESCENZE ED ANNIENTAMENTI”.  

Queste sculture, raffiguranti teste deformate e contorte, rappresentano l’uomo moderno, che si trova svuotato ed annientato nell’anima.Ho presentato questa installazione, insieme ad altre opere, nella sala a me riservata, presso il Castello di Calepio, nella appena trascorsa mostra “ARTE IN CASTELLO”, posizionandole in modo da provocare una reazione di disgusto, stupore, paura, perplessità, e disagio, a chi, girando l’angolo, se le trovava di fronte, a tu per tu.

Era mia intenzione colpire i visitatori esponendo visi a tutto tondo, perforati, straziati, con sguardi vacui, perduti nel vuoto, che li lasciasse angosciati, impressionati, attoniti.

In questi visi possono trasparire anche segni di violenza subita, di soprusi dovuti ad ogni forma di prevaricazione e a forme di annientamento, proprio come avveniva nei lager non troppo tempo fa, come avviene tutt’ora nei Paesi in guerra, nel Terzo Mondo stremato dalla fame, dalla miseria, dall’ignoranza e dalle malattie, ed in maniera più subdola, persino nella nostra società..

In questi volti che presentano evidenti suppurazioni, sanguinarie ferite, macabre emaciazioni, si dovrebbe ritrovare un po’ se stessi e pensare alle proprie responsabilità.

Certo, bisognerebbe sempre confrontarsi con realtà dissimili dalle nostre, ma che possono, con un niente, entrare a far parte della nostra vita. E’ sufficiente pochissimo; un sogno, un incubo, un insulto, uno sgarbo, un ambiente ostile, una malattia, perché ci si possa avvilire, e sentirsi annientati, frammentati, interrotti. E’ altrettanto vero che un nonnulla possa bastare a renderci felici, sereni, ed il mio è un invito a meditare sui reali valori della vita e dell’esistenza e a perseguirli incondizionatamente.

Grazie. Imerio Rovelli.